Il soggetto al limite

Serata di presentazione de Il soggetto al limite (Sandro Pellarin, qudulibri 2021), “un’introduzione completa all’opera di Georges Bataille e un’analisi accurata del suo contesto intellettuale, dei problemi filosofici cui essa intende rispondere e dei concetti che la attraversano”.

Il flauto di Massimo De Mattia si inoltra nell’esperienza interiore del grande scrittore francese.

  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Tags:

Data

venerdì 25 Giugno 2021

Ora

21:00

Luogo

Biblioteca Civica N. Bettoni
Via Seminario, 27, 30026 Portogruaro VE
Categoria

Speakers

  • Andrea Bardin
    Andrea Bardin
    Presentatore

    Andrea Bardin è professore di teoria politica all’Oxford Brookes University. Ha studiato teoria politica e storia del pensiero politico all’Università di Padova e alla Brunel University London.
    È membro fondatore del Centre international des études simondoniennes (MSH Paris Nord). E autore di numerosi articoli e del libro su Gilbert Simondon: Epistemology and Political Philosophy in Gilbert Simondon: Individuation, Technics, Social Systems (Springer).
    Il suo lavoro si concentra sulla relazione tra scienza e teoria politica dalla prima modernità all’epoca contemporanea.
    In particolare, si occupa della critica della funzione ideologica dei modelli delle scienze naturali concepiti come fondamenti ontologici ed epistemologici della teoria politica e sociale.

  • Massimo De Mattia
    Massimo De Mattia
    Musicista

    Massimo De Mattia (Pordenone, 1959) è un flautista e compositore italiano. Nato a Pordenone nel 1959. Musicista autodidatta, esordisce negli anni 70. Suona con Tom Kirk, Bruno Cesselli, Lanfranco Malaguti, Giovanni Maier, Glauco Venier, Gianluigi Trovesi, Zlatko Kaučič, Ares Tavolazzi, Nicola Stilo, Marco Tamburini, Herb Robertson, Marco Colonna, Javier Girotto, Evan Parker…
    Ha realizzato una quarantina di album a proprio nome.

  • Sandro Pellarin
    Sandro Pellarin
    Artista, curatore, autore

    Segue studi filosofici conseguendo la laurea e il dottorato all’Università di Padova. Nel 1996 è tra i fondatori, a Portogruaro (Ve), del gruppo di videomakers DALLEMENEALLETE, all’interno del quale ha curato la sceneggiatura, la regia e il montaggio di alcuni corti e mediometraggi proiettati in festival e rassegne in Italia e all’estero, e premiati in concorsi nazionali.
    Utilizza il video anche come strumento didattico nell’ambito dell’insegnamento coordinando diversi laboratori e progetti e ottenendo, con i lavori realizzati, importanti riconoscimenti in concorsi scolastici nazionali.
    Fa parte dell’Associazione Culturale Porto dei Benandanti all’interno della quale collabora all’organizzazione di eventi artistici e culturali come Orchestrazione e Notturni di versi e alla gestione della galleria open source PAB (Punto Arte Benandante).
    Ha ideato e curato per alcuni anni la rassegna di cortometraggi e videoarte Videodrome ed è tra i curatori dal 2009 di Libri di versi, un’esposizione di libri oggetto e libri d’artista nati dalla collaborazione di artisti visivi e poeti che si svolge nel mese di luglio a Portogruaro.
    Da alcuni anni si occupa di videoarte realizzando video e soprattutto videoinstallazioni, spesso in collaborazione con altri artisti. Le sue videoinstallazioni si concentrano spesso sul tema del rapporto tra visione e desiderio e sull’accecamento prodotto dallo stesso eccesso del vedere.
    Negli ultimi anni inoltre si dedica anche alla produzione di libri oggetto; alcuni di questi fanno parte di archivi come Non solo libri di Ruggero Maggi e Ibridilibri di Antonio Baglivo.
    Con i suoi lavori ha partecipato a varie esposizioni e manifestazioni, tra le quali:
    2019: Libri di versi 10, Antiche carceri, San Vito al Tagliamento (PN); Biennale libro d’artista, Napoli;
    2018: Premio internazionale “Libro d’artista”, Teatro degli oscuri, Torrita di Siena; Biennale del libro d’artista, Museo etnografico di Udine; La guerra invisibile, Ronchis (UD); Orchestrazione 26, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea ai Molini, Portogruaro (VE); Heart(h), Art Port, Palazzolo dello Stella (UD).
    2017: Libri di versi 9, Museo Nazionale Archeologico Concordiese, Portogruaro (VE); Padiglione Tibet, evento collaterale alla 57 Biennale d’arte di Venezia, Palazzo Zenobio, Venezia; Libri di versi (antologica), nell’ambito dell’Elba Book festival, Rio nell’Elba, Museo civico archeologico del Distretto minerario.
    2016: Padiglione Tibet, Castello visconteo, Pavia; No Man’s Land, Palazzo Tartini, Pirano (SLO); libri di versi SG Gallery, Scuola Internazionale di Grafica, Venezia; Orchestrazione 24 –Weltuntergangserlebnis, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea ai Molini, Portogruaro (VE);
    2015: Orchestrazione 23 – partenza, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea ai Molini, Portogruaro (VE);
    2014: Ibridi fogli – Recenti acquisizioni, Pinacoteca Provinciale di Salerno; Incrocio 4. Video e luogo, Double Room, Trieste.
    2013: Libro d’Artista – Il gesto creativo e la parola, Biblioteca Civica Villa Amoretti, Torino; hEART(h) 5, Art-port, Palazzolo dello Stella (UD).
    2012: libri di-versi 4, Palazzo Locatelli (GO); Orchestrazione 20X20, Galleria comunale d’arte contemporanea Ai Molini, Portogruaro (VE); hEART(h) 4, Art-port, Palazzolo dello Stella (UD); libri di-versi 4, Galleria comunale d’arte contemporanea Ai Molini, Portogruaro (VE); OutART, Cordenons (PN); Corpus#3, Galleria comunale d’arte contemporanea Ai Molini, Portogruaro (VE).
    2011: Aquamater, Villa Mocenigo, Alvisopoli di Fossalta di Portogruaro (VE); Corpus#2, Pankratium Museum, Gmünd (Austria).
    2010: Corpus, Punt WG, Amsterdam; Art in farc – percorso d’arte nel bosco, Faedis (UD); Notturni di_versi ’10 – Punti luce, Parco della pace, Portogruaro (VE).
    2009: Macchine inutili, cinema Visionario, Udine.
    2008: DRIN! Dreaming road installation, Parco della Pace, Portogruaro (VE).
    2006: SummerLab, Staranzano (GO); DiobiArtEventi, Monfalcone (GO); Vastagamma, Villa Galvani, Pordenone.