34 poeti all’inferno

Lettura simultanea integrale dell’Inferno

34 poeti contemporanei leggono in simultanea i 34 Canti dell’Inferno dantesco nella cornice notturna del Parco della Pace di Portogruaro, lungo un percorso di 11 postazioni. Accanto ad ogni poeta ci sarà l’opera di uno dei 34 artisti invitati a confrontarsi con l’Inferno. 

Tags:

Data

sabato 03 Luglio 2021
Expired!

Ora

21:00 - 23:00

Luogo

Parco della Pace
Via Seminario, 30026 Portogruaro VE
Categoria

Speakers

  • Anna Toscano
    Anna Toscano
    Poeta

    ANNA TOSCANO insegna presso l’Università Ca’ Foscari e collabora con altre facoltà. Scrive per testate, tra cui Il Sole24 Ore e doppiozero. Quinta e ultima raccolta di poesie è Una telefonata di mattina, La Vita Felice 2016, preceduta da Doso la polvere, 2012; liriche, racconti e saggi sono rintracciabili in riviste e antologie; sua la curatela di cataloghi e libri di poesie. Ha ideato e condotto la trasmissione radiofonica Virgole di poesia per Radio Ca’ Foscari. Per la testata on-line La Rivista Intelligente cura Venerdì in versi. È stata editor per case editrici, lavorato come ufficio stampa; ha partecipato a varie scuole di scrittura e collabora con “Lo Squero della parola”, laboratorio di scrittura creativa a Venezia. Come fotografa suoi scatti sono apparsi in riviste, manifesti, copertine di libri, mostre personali e collettive. Varie le esperienze teatrali, tra le quali “Voce di donna Voce di Goliarda Sapienza”.

  • Cristina Micelli
    Cristina Micelli
    Poeta

    Cristina Micelli , nata a Udine nel 1965, vive nel Medio Friuli.

    Ha pubblicato le raccolte poetiche “Stato di veglia” – Ed Dot.com Press 2011 (2^ classif.. al Premio Giorgi 2011 sez. raccolta inedita) “A chi scorre” – qudulibri 2017 (menzione al Premio InediTO Colline di Torino 2016) e L’ospite di spalle – ed. qudulibri 2020 con le illustrazioni di Silvia Lepore (2^ classif. nel 2019 al Concorso Nazionale Guido Gozzano sez. silloge inedita).

    Suoi testi sono presenti in alcune riviste, siti web e antologie, fra cui “Parole sante” ed Kurumuny e “Fuochi complici” a cura di Marco Ercolani ed. Il leggio Libreria Editrice.

  • Enzo Martines
    Enzo Martines
    Poeta
  • Erika Crosara
    Erika Crosara
    Poeta

    Erika Crosara è nata a Vicenza nel 1977. Laureata in Conservazione dei beni culturali, attualmente vive a Galleriano di Lestizza (Udine). Le sue poesie sono presenti in alcune antologie (Dall’Adige all’Isonzo. Poeti a Nord-Est, Fara Editore, Rimini, 2008; Notturni di_versi. Crisi, nuovadimensione, Portogruaro, 2010; Salvezza e impegno, Fara Editore, Rimini, 2010; Ombre come cosa salda. Il Purgatorio letto dai poeti. Canti X-XXVII, Il Ponte del Sale, Rovigo, 2011), su riviste e blog letterari. Ius è il suo primo libro di poesia (Anterem Edizioni, Verona, 2010, vincitore del Premio Lorenzo Montano nello stesso anno).

  • Fabio Franzin
    Fabio Franzin
    Poeta

    Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. E’ redattore della rivista di civiltà poetiche “Smerilliana”. Ha pubblicato diverse opere di poesia in dialetto, fra cui: Fabrica, Atelier, 2009 (Premio “Pascoli”, Premio “Baghetta”) e Co’e man monche (Con le mani mozzate) Le voci della luna, 2011 (premio “Achille Marazza”). L’ultima sua opera è: Erba e aria, Vydia, 2017.

  • Francesco Targhetta
    Francesco Targhetta
    Poeta

    Francesco Targhetta (Treviso, 1980) ha insegnato per quattro anni a scuola, ha fatto un dottorato in italianistica a Padova (lavorando su Corrado Govoni, di cui ha curato la riedizione de Gli Aborti per San Marco dei Giustiniani e dei Fuochi d’artifizio per Quodlibet), ha vinto un assegno di ricerca, ha scritto un libro di poesie (Fiaschi, ExCogita, 2009) e un romanzo in versi (Perciò veniamo bene nelle fotografie, ISBN, 2012). Ora è andato in loop e ha ricominciato a insegnare.

  • Gabriella Musetti
    Gabriella Musetti
    Poeta
  • Gaia Rossella Sain
    Gaia Rossella Sain
    Poeta

    Nata in Friuli sul finire degli anni ’80, studia fra Udine e Venezia e poi finisce a Cormons, dove si ferma. Lavora in un’Enoteca dove si diverte anche a organizzare una piccola rassegna letteraria a titolo “Taglio Poetico”. Insegna a bambini e adulti cosa sono gli haiku, negli angolini di tempo libero vorrebbe far uscire un secondo libro di poesie (il primo, “Di Nuvole e Lontananza”, è uscito per Culturaglobale qualche annetto fa) e porta avanti diversi progetti fra cui il libro “Friulani per Sempre” (Edizioni della Sera). Suo figlio la sopporta con somma pazienza solo perché è l’unica mamma che si ricorda tutte le evoluzioni dei Pokémon e tutta la cronologia trekkiana.

  • Giacomo Sandron
    Giacomo Sandron
    Poeta, artista

    Giacomo Sandron è nato a Portogruaro (VE) verso la fine dell’estate del 1979. Ha studiato Filosofia a Trieste, vive a Torino. È membro dell’Associazione Culturale Porto dei Benandanti di Portogruaro (Ve) con cui partecipa all’organizzazione di Notturni Di_Versi – piccolo festival di poesia e delle arti notturne. Poeta e slammer, dal 2002 partecipa a pubbliche letture, performance, laboratori, iniziative culturali, festival, sia all’interno che all’esterno dei patrî confini. Organizza e conduce regolarmente poetry slam e anti-slam in Veneto e Piemonte. Per la rivista Atti Impuri ha tradotto alcune prose di Herberto Helder, figura di culto della letteratura portoghese contemporanea. Suoi testi sono presenti in qualche raccolta, in qualche rivista e su diversi siti web tra cui Absoluteville, Poetarum Silva, Atti Impuri e Nazione Indiana. Ha all’attivo le plaquette Triestitudine, autoprodotta nel 2007, Cossa vustu che te diga, pubblicata nell’estate 2010 dall’Associazione Culturale Culturaglobale e La malattia professionale/Lato destro (SartoriaUtopia edizioni, 2012). Nel 2012 si è aggiudicato il premio TeglioPoesia per la poesia in dialetto. È autore, assieme all’architetto Mauro Gentile, della tetralogia di libri oggetto Germinal. Nel 2015 ha pubblicato la raccolta poetica Cossa vustu che te diga (Samuele Editore).

  • Gianni Montieri
    Gianni Montieri
    Poeta

    Gianni Montieri è nato a Giugliano, provincia di Napoli nel 1971.
    Ha pubblicato: Futuro semplice (Lietocolle, 2010) e Avremo cura (Zona, 2014)
    Suoi testi sono rintracciabili nei numeri sulla morte (VIXI) e sull’acqua (H2O) della rivista monografica Argo e sui principali siti letterari italiani.
    Ha riscritto la fiaba Il pifferaio magico per il volume Di là dal bosco, Le voci della luna 2012.
    Sue poesie sono incluse nel volume collettivo La disarmata, Cfr edizioni 2014.
    È stato redattore della rivista monografica Argo. Scrive di calcio su Il Napolista.
    È capo redattore del litblog Poetarum Silva e membro di Progetto Santiago.

  • Giovanni Turra
    Giovanni Turra
    Poeta
  • Giovanni Tuzet
    Giovanni Tuzet
    Poeta

    Giovanni Tuzet è nato a Ferrara nel 1972 e vive fra Aquileia (Udine) e Milano.
    Ha pubblicato le raccolte di poesia 365-primo (Liberty House, Ferrara 1999), 365-secondo (Liberty House, Ferrara 2000), 365-terzo (Raffaelli, Rimini 2010) e Logiche e mancine (Giuliano Ladolfi Editore, Borgomanero 2017), più alcune plaquettes fra cui Male lingue (Circolo culturale Menocchio, Pordenone 2009) e Trazioni (Christophe Chomant Éditeur, Rouen 2010), oltre a diverse sillogi in riviste e antologie.
    Come narratore ha pubblicato La città ideale (Marietti 1820, Genova 2017).
    È autore della raccolta di saggi A regola d’arte (Este Edition, Ferrara 2007) e ha curato il volume Simboli in versi (Editreg, Trieste 2004) nonché il n. 50 della rivista “Atelier” (2008) dedicato a poesia e conoscenza.
    Laureato in Giurisprudenza all’Università di Ferrara, insegna Filosofia del diritto presso l’Università Bocconi di Milano.

  • Giuseppe Nava
    Giuseppe Nava
    Poeta

    Giuseppe Nava (1981), nato su quel ramo del lago di Como, vive a Trieste. Nel 2008 pubblica Un passo indietro (LietoColle). Nel 2009 vince il premio De Palchi-Raiziss. La sua raccolta Esecuzioni vince nel 2012 il premio Mazzacurati-Russo ed è in corso di pubblicazione presso l’editore d’if. Tra il 2010 e il 2013 suoi testi sono stati pubblicati sulla rivista Inpensiero e, in rete, su Absoluteville, Poetarum Silva, Nazione Indiana. È redattore delle riviste Bollettino ‘900 e Argo, e collabora all’organizzazione del Trieste International Slam.

  • Isabella Panfido
    Isabella Panfido
    Poeta

    E’ nata a Venezia, vive e lavora a Venezia e Treviso. Laureata in lingua e letteratura russa e giornalista pubblicista, collabora alle pagine culturali di “Il Corriere del Veneto”. Ha ideato e condotto programmi radiofonici culturali per Radio 24 IlSole24ORE.
    In poesia ha pubblicato la plaquette A pelo d’acqua (Premio Firenze 1997 Fiorino d’oro per poesia inedita), Casa di donne (Marsilio, 2005 – 2006), il libro d’artista Pantone con una incisione di Piero Guccione (Colophonarte, 2012), Shakespeare alla veneziana, (Santi Quaranta 2012) una traduzione/trasposizione di 33 sonetti di Shakespeare in veneziano, La grazia del danno (La Vita Felice, 2014)- Premio Laurentum 2015.
    Traduce dal russo e dall’inglese, sue poesie sono state tradotte in inglese, spagnolo, sloveno e croato. Sue poesie sono incluse nella antologia Io è un altro (Trieste, 2007) e nell’Antologia della poesia italiana del Novecento presso l’editrice argentina Gog y Magog.
    Ha scritto narrativa per l’infanzia e racconti.
    Ha curato la riedizione di Poesie dialettali di Ernesto Calzavara (Canova, 2006) e curato e tradotto la versione integrale di Memorie di una contadina di L. Tolstoj e T. Kuzminskaja (Casagrande, 2008).

  • Ivan Crico
    Ivan Crico
    Poeta

    Nato a Gorizia nel 1968, Ivan Crico si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia e comincia ad esporre a partire dal 1983. Inizialmente segnalato per le sue poesie in italiano, nel 1989 comincia ad utilizzare la nativa parlata “bisiaca”. Suoi testi poetici e saggi critici sono apparsi su alcune delle più importanti riviste italiane. Nel 1997 pubblica Piture (Edizioni Boetti) e nel 2003 Maitàni. Crico è uno dei nove autori inseriti nell’antologia Tanche giaiutis, dedicata ai poeti più significativi degli ultimi decenni nei dialetti e nelle lingue minori del Friuli Venezia Giulia, ed è stato incluso nell’antologia di prossima uscita Via Terra, dedicata ai maggiori poeti della poesia neodialettale italiana. Spesso le sue opere su carta, elaborate matericamente, fanno da contrappunto ai suoi testi poetici. E’ inoltre fra gli organizzatori delle rassegne di musica, arte e poesia che si tengono nella Chiesa di Santa Maria in Monte, a Fogliano-Redipuglia.

  • Julian Zhara
    Julian Zhara
    Poeta

    Julian Zhara è nato a Durazzo (Albania) il 21 Maggio 1986. Trasferitosi in Italia all’età di 13 anni, ha vissuto a Camposampiero (Padova) per 8 anni. Ha all’attivo due pubblicazioni: Liquori (Ibiskos-Ulivieri, 2008) e In apnea (Granviale, 2009). Ha organizzato varie manifestazioni poetiche tra le quali il festival di poesia Andata e Ritorno a Venezia con la rivista Blare Out dove cura una rubrica di poesia. Dal marzo 2012 ha iniziato una collaborazione col compositore Ilich Molin per il progetto Dune con cui è arrivato tra i finalisti del Premio Dubito. Le poesie sono state pubblicate nell’antologia L’epoca che scrivo, la rivolta che mordo (Agenzia X, 2014). Alcuni suoi testi sono usciti sul blog dell’Unità, Estroverso, Versante Ripido, Le Voci della Luna. Attualmente vive e lavora a Venezia.

  • Luigina Lorenzini
    Luigina Lorenzini
    Poeta

    Nata nel giugno 1972, abita a Pielungo di Vito d’Asio (PN).
    Scrive per dare respiro alla sua anima. Ha partecipato a serate e mostre, trasmissioni radio e TV, ha ottenuto riconoscimenti in numerosi concorsi letterari. Scrive in italiano e in friulano asìno.
    Nel giugno 2008 è uscito il suo primo libro Pavéa un’eštât – La luna tal codâr (scritto “a quattro ali” assieme a F. Gerometta), nel 2009 la raccolta “In cerca di falsamente spietata verità” (vincitrice ex aequo del premio San Vito), suoi testi sono apparsi in antologie, cataloghi, libri: Tiara di Cunfìn, L’Idea e la forma – gli manca solo la parola, Dagli occhi al cuore, Acqua Aria Terra Fuoco, Notturni di_versi – L’ozio e Notturni di_versi – La Crisi, Piccole storie d’aria, Premi Sant Antoni, Artiscj di ca e di là da l’aga, Agenda Friulana, Clapadoria Peravoladoria.
    Con Fernando Gerometta ha scritto e interpretato i testi degli spettacoli Tutto l’azzurro del cielo in un unico filo d’erba, DiaLogos e Su la puarta da la not, e scritto i testi delle canzoni finaliste al Premi Friûl 2009, al Festival della Canzone Friulana 2010 e vincitrice del premio CEM 2010.
    L’inchiostro che non stende sul bianco del foglio brilla sul bianco dei suoi occhi.

  • Lussia di Uanis
    Lussia di Uanis
    Poeta

    Sono del 64, madre di 2 figli. «Voi dreta pa mê strada stuarta» è il mio leitmotiv. Scrivo, dipingo, ultimamente mi dedico alla produzione video. Ho fatto parte dalla nascita del gruppo Trastolons e del movimento Usmis. Ho scritto per il teatro: Canto per le donne resistenti assieme a Barbara della Polla anima di Cassiopeateatro e Poema par une tiare maludide musicate rispettivamente da K’Ramar e da Ermes Ghirardini. Recito, racconto storie, curo spettacoli per bambini e ragazzi. Ho prestato anima, voce, corpo alla creazione di eventi poetico musicali, con formazioni acustiche (K’Ramar) e elettroniche (Eletrike Skeletriche Poetiche). Negli ultimi anni organizzo l’evento di reading Poetry Slam per la provincia di Udine. Ho curato un programma di storie e racconti tradizionali Flabis a mirinde a Radio Onde Furlane. Ho scritto testi di canzoni per: Furclap, Zuf de Zur, Bande Tzingare e Ulisse e i Ciclopi e canzoncine per bambini. Ho pubblicato: un libro per bambini Intal sac da fantasia e un libro di poesie Rivocs sul Cormôr (nell’universo dei “quanti” privi di ISBN), un audiolibro per bambini L’arbul Feliç, edizioni Serling soc. coop. Ho pubblicato un cd per Musiche Furlane Fuarte con Eletrike Skeletriche Poetiche.

  • Mara Donat
    Mara Donat
    Poeta
  • Marilisa Trevisan
    Marilisa Trevisan
    Poeta
  • Massimiliano Drigo
    Massimiliano Drigo
    Poeta
  • Maurizio Benedetti
    Maurizio Benedetti
    Poeta

    Maurizio Benedetti è nato a Berna il 17-9-1968 e vive ad Ara Grande, frazione di Tricesimo (UD).
    Ha pubblicato nel 2006 la raccolta breve “Lontano da chi ascolta”
    per l’editore “Sottomondo” di Gorizia e, sempre per il medesimo editore, il libro “So distruggere il mio dio” nel 2008. Nel 2010 ha pubblicato per l’editore “Kappa vù” di Udine il libro “Bionda salamandra e altre poesie”, con il quale ha vinto un primo premio alla diciottesima edizione del Concorso Artistico Internazionale “Amico Rom”. Ha fatto parte della redazione della rivista “Corrispondenze & Lingue Poetiche” edita dalla “Kappa vù” di Udine e partecipa con continuità a letture pubbliche dei suoi testi.
    Ha preso parte a vari Festival artistici e letterari tra cui “Fare voci”, “Topolò”, “Acque di acqua”, “Orbite mutanti”, “Notturni di versi”, “Festival di Osoppo”, “Festa di poesia di Pordenone (2010,2011, 2012), “Gardenpoetry”…”. È direttore Artistico del Festival di poesia “PoetARE”, che si tiene dal 2008 ad Ara di Tricesimo. Nel 2009 ha vinto il “Trieste poetry slam” e si è classificato secondo al Premio Nazionale di poesia “Ossi di seppia” che prevede la pubblicazione su antologia per i primi quattro autori classificati. Nel 2010 è stato inserito nell’antologia del Premio Internazionale “Giuseppe Longhi”. Nel 2011 ha vinto il Premio Nazionale di poesia “San Mauro Città delle Fragole” organizzato dalla rivista piemontese “Nuova Periferia” e il Concorso Internazionale di Poesia “Calla in poesia – arte senza confine”.
    Nel 2013 ha partecipato al Festival di poesia “Stranou” che si svolge nel mese di giugno fra Praga, Beroun e Krakovez e nel 2014, 2015, 2016 è stato ospite del progetto “Residenze estive” al Collegio del Mondo Unito a Duino.
    Nel 2015 ha partecipato al Festival “Bologna in lettere”.

  • Michele Obit
    Michele Obit
    Poeta

    Michele Obit (1966) vive a San Pietro al Natisone (Udine). È direttore responsabile del settimanale bilingue della minoranza slovena in Italia Novi Matajur. Come organizzatore culturale collabora alla realizzazione del festival Stazione di Topolò/Postaja Topolove, per il quale cura tra l’altro il progetto di residenza per scrittori e poeti Koderjana.
    È autore di alcuni libri di poesia, tra le ultime pubblicazione Le parole nascono già sporche e la plaquette Un uomo è anche un aratro.
    Dal 1998 si occupa di traduzione letteraria dallo sloveno in italiano. Oltre a numerose raccolte poetiche, ha proposto per il pubblico italiano scrittori come Brane Mozetič, Miha Mazzini, Aleš Šteger, Boris Pahor, Florjan Lipuš e Gabriela Babnik.

  • Patrizia Dughero
    Patrizia Dughero
    Poeta, editore, presentatore

    Patrizia Dughero, di origine friulana, è nata a Trento e si è laureata in Arti Visive all’ateneo di Bologna, dove tuttora risiede. È presente in numerose antologie, di racconti, di poesie e con testi di prosa poetica in cataloghi d’arte. Otto le sillogi poetiche pubblicate: nel 2010 Luci di Ljubljana e Le stanze del sale, nel 2011 Canto di sonno in tre tempi, nel 2013 Reaparecidas, nel 2015 Filare i versi / Presti verze, tradotta in sloveno da Jolka Milič, nel 2016 Canto del sale, nel 2017 L’ultima foglia, nel 2018 Camera Oscura. Attualmente la sua attività si concentra su articoli e progetti editoriali. Le sue poesie sono tradotte in spagnolo e in sloveno. È stata capo redattrice della rivista “Le voci della Luna” e ha collaborato in giuria con l’associazione per il “Premio Giorgi”. Attualmente fa parte della giuria del Premio Teglio Poesia e del Premio Montano. È responsabile editoriale di 24marzo Onlus, associazione attiva nel campo dei diritti umani, particolarmente incentrato sulla tragica vicenda dei desaparecidos latinoamericani e sta portando avanti un progetto di studio sul tema di Post-Memoria e scomparsa.Nel 2012 ha fondato con Simone Cuva la casa editrice qudulibri, per la quale tra l’altro si realizza la pubblicazione biennale del Premio Teglio Poesia.

  • Renzo Cevro-Vukovic
    Renzo Cevro-Vukovic
    Artista

    (1955-?).

  • Renzo Favaron
    Renzo Favaron
    Poeta

    Renzo Favaron è nato nel 1958, vive e lavora a San Bonifacio (Vr). Dopo un’iniziale plaquette in lingua, nel 1991 pubblica in dialetto veneto Presenze e conparse, con una prefazione di Attilio Lolini.
    Del 2001 è il romanzo breve Dai molti vuoti.
    A partire dal 2002 pubblica alcune minuscole plaquette presso le edizioni Pulcino-Elefante. Nel 2003 pubblica Testamento (nota di Giani D’Elia), un’altra raccolta di poesie in dialetto, nel 2006 Di un tramonto a occidente e nel 2007 Al limite del paese fertile (postfazione di Alberto Bertoni).
    Il racconto La spalla è del 2005.
    Del 2009 è In cualche preghiera (postfazione di Giancarlo Consonni). Segue nel 2011 Un de tri tri de un (nota introduttiva di Giovanni Tesio e postfazione di Lorenzo Gobbi), che raccoglie venti anni di poesia in dialetto.
    Del 2012 è Ieri cofa ancuò (nostos par passadoman), con una nota di Paola Tonussi.
    Del 2014 è il racconto breve Esordi invernali e del 2015 la raccolta Balada incivie, tartufi e arlechini.

  • Roberto Cescon
    Roberto Cescon
    Poeta

    Roberto Cescon è nato nel 1978 a Pordenone, dove vive e insegna al Liceo “Leopardi-Majorana”. Collabora all’organizzazione del festival letterario pordenonelegge.it. È tra i giurati del Premio Castello di Villalta Poesia e del Premio Rimini. Cura il blog ipoetisonovivi.com. Ha pubblicato Vicinolontano (Campanotto, 2000), Il polittico della memoria. Aspetti macrotestuali sulla poesia di Franco Buffoni (Pieraldo, 2005) e le raccolte La gravità della soglia (Samuele Editore, 2010) e La direzione delle cose (Ladolfi, 2014).

  • Rotolacampo
    Rotolacampo
    Compagnia Teatrale

    Rotolacampo è un gruppo estemporaneo di attori che si sposta nei sentieri teatrali con la leggerezza dei soffioni trasportati dal vento.

  • Salvatore Cutrupi
    Salvatore Cutrupi
    Poeta
  • Sandro Pecchiari
    Sandro Pecchiari
    Poeta

    Sandro Pecchiari è laureato in Lingue e Letterature Straniere, con una tesi sull’opera poetica di Ted Hughes.
    Con la casa editrice Samuele Editore di Fanna, Pordenone, ha pubblicato Verdi Anni (collana Scilla 19, 2012, prefazione di Roberto Benedetti), Le Svelte Radici (collana Scilla 33, 2013, prefazione di Mary Barbara Tolusso) e LʼImperfezione del Diluvio – An Unrehearsed Flood, in versione bilingue (collana Scilla 44, 2015, prefazione di Andrea Sirotti).
    I suoi libri sono stati presentati e letti nel programma Le Parole Più Belle, Telecapodistria, Slovenia, nel 2014 e 2015.
    Alcuni lavori, tradotti in inglese, in albanese e sloveno, sono apparsi in numerose antologie (fra cui la Collana dei Poeti Contemporanei 2013 e 2014, diretta da Elio Pecora; lʼAlbanian Antologjive Poetike Universale Korsi e Hapur – Open Lane 2014; Revija SRP, Ljubljana, ottobre 2015), nel libro Lettere – a te, Samuele Editore, febbraio 2012 e sono stati presentati da Rachel Slade al New York City Poetry Festival 2014, alle Residenze Estive 2014 , 2015 e 2016 presso il Castello di Duino, organizzate da Gabriella Musetti.
    Sue traduzioni dall’inglese sono visibili nel sito della casa editrice Caitlin Press, http://caitlin-press.com/al-rempel-in-translation/; ha tradotto, su richiesta dellʼautrice, la short story Sweets da Emilia Fantetti, A Recipe for Disaster, Mother Tongue Publishing Limited, Canada, 2013.
    Ha prefatto Federico Rossignoli, Spolia, Samuele Editore 2015 e Liliya Radoeva Destradi, TiramiSÙ dai giornali, Talos Edizioni, 2015; ha curato lʼediting di Ilaria Boffa, The Bliss of Hush and Wires, Samuele Editore 2016.
    È membro della giuria della Festa della Letteratura e della Poesia di Duino e collabora con le riviste Traduzionetradizione (Press Point, Milano) e L’Almanacco del Ramo d’Oro (Trieste).

  • Sebastiano Gatto
    Sebastiano Gatto
    Poeta
  • Ulisse Fiolo
    Ulisse Fiolo
    Poeta
  • Vincenzo Della Mea
    Vincenzo Della Mea
    Poeta