Sandro Pellarin

Nato il 29 dicembre 1971 a Portogruaro (VE). Segue studi filosofici conseguendo la laurea e il dottorato all’Università di Padova. Nel 1996 è tra i fondatori, a Portogruaro (Ve), del gruppo di videomakers DALLEMENEALLETE, all’interno del quale ha curato la sceneggiatura, la regia e il montaggio di alcuni corti e mediometraggi proiettati in festival e rassegne in Italia e all’estero, e premiati in concorsi nazionali come: Videopolis (Vicenza, 2000); Videolugosi (Firenze 2000); Videotrash (Novara 2006). Utilizza il video anche come strumento didattico nell’ambito dell’insegnamento coordinando diversi laboratori e progetti e ottenendo, con i lavori realizzati, importanti riconoscimenti in concorsi scolastici nazionali.
Fa parte dell’Associazione Culturale Porto dei Benandanti all’interno della quale collabora all’organizzazione di eventi artistici e culturali come Orchestrazione e notturni di versi. Ha ideato e curato per alcuni anni la rassegna di cortometraggi e videoarte Videodrome e, assieme a Silvia Lepore, cura dal 2009 libri di versi, un’esposizione di libri oggetto nati dalla collaborazione di artisti visivi e poeti che si svolge nel mese di luglio a Portogruaro.
Da alcuni anni si occupa di videoarte realizzando video e soprattutto videoinstallazioni, spesso in collaborazione con altri artisti, e in particolare con Silvia Lepore, con la quale ha realizzato, tra le altre, installazioni come Corpus e No man’s land in cui il linguaggio pittorico si integra con il video in una sintesi installativa che vuol essere una riflessione-esperienza sul limite tra corporeo e incorporeo, visibile e invisibile.
Le sue videoinstallazioni si concentrano spesso sul tema del rapporto tra visione e desiderio e sull’accecamento prodotto dallo stesso eccesso del vedere. Negli ultimi anni inoltre si dedica alla produzione anche di libri oggetto; alcuni di questi fanno parte di archivi come Non solo libri di Ruggero Maggi e Ibridilibri di Antonio Baglivo.
Con i suoi lavori ha partecipato a varie esposizioni e manifestazioni, tra le quali:

  • 2017 – Padiglione Tibet, evento collaterale alla 57 Biennale d’arte di Venezia, Palazzo Zenobio, Venezia;
  • 2016 – Padiglione Tibet, Castello visconteo, Pavia; No Man’s Land, Palazzo Tartini, Pirano (SLO); libri di versi SG Gallery, Scuola Internazionale di Grafica, Venezia; Orchestrazione 24 –Weltuntergangserlebnis, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea ai Molini, Portogruaro (VE);
  • 2015 – Libri di versi 6, Antiche carceri, San Vito al Tagliamento (PN); Libri di versi 7, Museo Archeologico Nazionale Concordiese, Portogruaro (VE); Orchestrazione 23 – partenza, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea ai Molini, Portogruaro (VE)
  • 2014: Ibridi fogli – Recenti acquisizioni, Pinacoteca Provinciale di Salerno; Incrocio 4. Video e luogo, Double Room, Trieste.
  • 2013: Libro d’Artista – Il gesto creativo e la parola, Biblioteca Civica Villa Amoretti, Torino; hEART(h) 5, Art-port, Palazzolo dello Stella (UD).
  • 2012: libri di-versi 4, Palazzo Locatelli (GO); Orchestrazione 20X20, Galleria comunale d’arte contemporanea Ai Molini, Portogruaro (VE); hEART(h) 4, Art-port, Palazzolo dello Stella (UD); libri di-versi 4, Galleria comunale d’arte contemporanea Ai Molini, Portogruaro (VE); OutART, Cordenons (PN); Corpus#3, Galleria comunale d’arte contemporanea Ai Molini, Portogruaro (VE).
  • 2011: Aquamater, Villa Mocenigo, Alvisopoli di Fossalta di Portogruaro (VE); Corpus#2, Pankratium Museum, Gmünd (Austria).
  • 2010:Corpus, Punt WG, Amsterdam; Art in farc – percorso d’arte nel bosco, Faedis (UD); Notturni di_versi ’10 – Punti luce, Parco della pace, Portogruaro (VE).
  • 2009:Macchine inutili, cinema Visionario, Udine.
  • 2008: DRIN! Dreaming road installation, Parco della Pace, Portogruaro (VE).
  • 2006:SummerLab, Staranzano (GO); DiobiArtEventi, Monfalcone (GO); Vastagamma, Villa Galvani, Pordenone.

Eventi 2017
Sabato 8 luglio ore 18:00: Libri di versi 9