Notturni si fa in quattro…

…e tutto in una sera: martedì 10 luglio, a partire dalle ore 21.00.

Cominceremo con la performance teatrale Inniò, della compagnia Rotolacampo, per la regia di Max Bazzana. La voce sempre viva di Pierluigi Cappello messa in scena.

A seguire, alle 21.30, scopriremo Cappello attraverso l’occhio del cinema, con Parole povere, il film di Francesca Archibugi dedicato alla figura del poeta.

innio_1.cdr

Alle 22.30, invece, Andrea Gorgato presenterà Il fuoco dell’alba, raccolta poetica di Laura Gorgato con le immagini di Silvio Vicenzi. Tra alberi, circoli e labirinti.

E per concludere, dalle 23.00 alle 23.30, una proiezione di cortometraggi dalla sezione videoarte dell’Asolo Art Film Festival, ad accompagnarci sempre più nel cuore della notte, secondo un’antica tradizione del nostro festival.

Il tutto nella suggestiva cornice della Chiesa di Santa Cristina a Gorgo di Fossalta di Portogruaro. Un luogo dove il buio fiorisce spontaneamente in poesie ed immagini. Anche questo è inniò.

Doppio appuntamento: Sottili fusioni e La direzione delle cose

Mercoledì 16 luglio sarà un’altra serata ad alta intensità, secondo la migliore tradizione di Notturni. Alle ore 21.00 inaugureremo la mostra Sottili fusioni: terzo appuntamento con l’intreccio tra la scultura di Maria Grazia Collini e la fotografia di Silvio Vicenzi. L’installazione dei due artisti è un omaggio alla poesia e alla sua capacità di accordare gravità e leggerezza – una duplicità evocata con sapienza attraverso l’uso del metallo.

sottili_fusioni

Proprio per sottolineare la continuità tra diverse forme di espressione, alle ore 21.30 seguirà la presentazione del nuovo libro di Roberto CesconLa direzione delle cose, (Ladolfi Editore). Un lavoro anch’esso sviluppato su polarità opposte – «impietoso e pietosissimo al tempo stesso», secondo le parole di Gian Mario Villalta – che sarà presentato da Tommaso di Dio Alessandra Frison all’interno della rassegna Fuochi sull’acqua.

cescon

Entrambi gli eventi sono ospitati dallo Studio Arkema di Portogruaro e sono organizzati nell’ambito di Città Viva.