Gorizia ON/OFF

Gorizia non è il titolo, non è l’argomento, è il testo stesso. ON/OFF – acceso/spento – luce/buio – solitudine/compagia – parole/silenzi – rettilineo/curva… poi un lungo respiro, un soffio d’aria continuo che insieme a Giovanni Fierro spira tra le strade della città, tra le case, tra i bar e le persone; dagli ospedali alle case di cura, fino a dentro le macchine.

Sono parole di Gianni Montieri, dalla prefazione della nuova raccolta poetica Gorizia ON/OFF di Giovanni Fierro (QUDU libri 2018). Sarà lo stesso Montieri a presentare il libro venerdì 13 luglio alle ore 21.00 presso la Chiesa di Santa Cristina a Gorgo di Fossalta di Portogruaro. Un viaggio nel testo che diventa luogo e anima, attraverso la voce nota e sempre nuova di Fierro, accompagnati dalle note dei sax di Graziano Codermaz.

9788899007300_0_0_0_75

A seguire, la seconda parte della proiezione di cortometraggi dalla sezione videoarte dell’Asolo Art Film Festival.

Notturni si fa in quattro…

…e tutto in una sera: martedì 10 luglio, a partire dalle ore 21.00.

Cominceremo con la performance teatrale Inniò, della compagnia Rotolacampo, per la regia di Max Bazzana. La voce sempre viva di Pierluigi Cappello messa in scena.

A seguire, alle 21.30, scopriremo Cappello attraverso l’occhio del cinema, con Parole povere, il film di Francesca Archibugi dedicato alla figura del poeta.

innio_1.cdr

Alle 22.30, invece, Andrea Gorgato presenterà Il fuoco dell’alba, raccolta poetica di Laura Gorgato con le immagini di Silvio Vicenzi. Tra alberi, circoli e labirinti.

E per concludere, dalle 23.00 alle 23.30, una proiezione di cortometraggi dalla sezione videoarte dell’Asolo Art Film Festival, ad accompagnarci sempre più nel cuore della notte, secondo un’antica tradizione del nostro festival.

Il tutto nella suggestiva cornice della Chiesa di Santa Cristina a Gorgo di Fossalta di Portogruaro. Un luogo dove il buio fiorisce spontaneamente in poesie ed immagini. Anche questo è inniò.

«Lettere dal mondo offeso» + Giancarlo Lombardi

lettereSabato 1° luglio alle ore 21.00, presso la Chiesa di Santa Cristina, la poesia è di nuovo protagonista per una serata particolare. Christian Tito parlerà delle sue «Lettere dal mondo offeso», uno scambio di email intrecciato con Luigi Di Ruscio prima della sua scomparsa e diventato ora un libro. Di Ruscio, poeta autodidatta che meritò le lodi di Fortini («Le sue poesie di miseria e fame, di avvilimento e di rivolta nascono da un’esperienza diretta e ne sono la trascrizione») e di Quasimodo («Di Ruscio è un uomo d’avanguardia nel senso positivo, cioè della fede nell’attualità e per la violenza del discorso»), mette sulla carta le emozioni e i dubbi del maestro che non si considera tale nei confronti dell’allievo, in un dialogo di intensa partecipazione umana. Il libro sarà presentato da Francesco Tomada.

A seguire, alle ore 21.30, performance musicale di Giancarlo Lombardi, cantautore goriziano influenzato dai classici della chanson francese, ma anche dalla tradizione italiana.

lombardi


Post eventum: le foto di Cristiano Pinzan e Roberto Ferrari.

Bonus: un video di Giancarlo Lombardi!