Due mostre per capire PPP

mostre

Doppio appuntamento preserale per conoscere Pasolini e il suo mondo attraverso la fotografia. Mario Dondero, in Scatti per Pasolini, ricostruirà la storia umana e artistica di PPP, mentre Danilo De Marco, in Perduta gioventù, ci porterà nei luoghi da cui la sua poesia ebbe origine, fra la sua gente e i suoi amici. Appuntamento sabato 4 luglio alle ore 18.00 presso la Galleria Ai Molini di Portogruaro. Entrambe le mostre sono organizzate in collaborazione con il Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia e rimarranno aperte fino al 26 luglio con i seguenti orari: giovedì 10–13; venerdì 16–19; sabato e domenica 10–13 e 16–19. Introduce Lara Bortolusso. Le Persone Libro del Veneto Orientale offriranno alcuni testi pasolinani. – Segui l’evento su Facebook ›››

 

Al via Notturni diversi XI! “Cossa vustu che te diga”, di Giacomo Sandron

cossa_vustu

Venerdì 3 luglio alle ore 19.00 inizia l’undicesima edizione di Notturni diversi. Il festival si aprirà con la presentazione di Cossa vustu che te diga, la raccolta poetica di Giacomo Sandron uscita recentemente per i tipi di Samuele Editore. A presentare il poeta portogruarese, ora residente a Torino, sarà Fabio Franzin, autore della prefazione al volume. Appuntamento presso il Centro culturale di Palazzo Altan-Venanzio.


I busi se scava co’ a forsa che pensa e man
come se stonfa se suga ‘sta tera ga ‘na sé
longa tuti i ani del mondo:
Xe tanto che no magno verdura
no xe pì ninte ta lorto
i pomidori xe che i se seca
i gati i fa le buse e i ghe pissa drento
ta la cuiera tersa contando da sinistra
i quatro sucheti mati in fondo i cresse
sol che par farse de novo semensa.

[I buchi si scavano con la forza che pensa le mani
come s’inzuppa si asciuga questa terra ha una sete
lunga tutti gli anni del mondo:
È da tanto che non mangio verdura
non c’è più niente nell’orto
i pomodori si stanno seccando…
i gatti fanno le buche e ci pisciano dentro
sulla terza aiuola contando da sinistra
i quattro zucchini matti in fondo crescono
solo per diventare di nuovo semenza.]

Segui l’evento su Facebook ›››

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

Ultima serata: gli Astronati, il dibattito sulla poesia contemporanea & Voi ch’ascoltate Ultra Marathon

La decima edizione di Notturni si chiude in grande stile con una lunga notte di suggestioni e di poesia, sabato 19 luglio presso il Parco della pace di Portogruaro.

Apriranno le danze, alle ore 21.00Max Bazzana e gli allievi del corso annuale di teatro-musica dell’associazione ArtiVarti, che presenteranno lo spettacolo La nâf spaziâl – Gli Astronati. Una rivisitazione del testo-simbolo di Federico Tavan in chiave onirica e surreale, condotta con i mezzi più diversi (voce, immagini e linguaggio del corpo) per evocarne la fondamentale ambiguità: la tensione claustrofobica da un lato e l’urgenza di una liberazione dall’altro.

astronati

A seguire, alle ore 21.30, il momento della critica: Andrea Ponso Dome Bulfaro si confronteranno sullo stato della poesia contemporanea in Italia, mettendo sul tavolo le diverse istanze e proponendo le proprie linee guida per interpretare il presente e il futuro. Modera Guido Cupani. Il pubblico è caldamente incoraggiato a intervenire!

ultra_marathon

Chiuderà la serata Voi ch’ascoltate Ultra Marathon35 poeti (qui la lista completa) fra i molti che hanno animato le passate edizioni di Voi ch’ascoltate si alterneranno allo stesso microfono per riempire la notte di poesia. Quasi a dire che la nâf spaziâl non si ferma, ma continua a solcare i cieli anche quando gli umani chiudono gli occhi. Per il sostegno psico-fisico dei poeti e degli ascoltatori, saranno offerti generi di conforto, acqua, vinello, caffè e dolci, gentilmente preparati dal Gruppo di Acquisto Solidale Il Canneto di Portogruaro.

Ricordiamo che durante la serata di sabato sarà possibile farsi rilegare in un libretto le Poesie prese in giro dei partecipanti all’Ultra Marathon, distribuite gratuitamente presso i locali di Portogruaro che aderiscono all’iniziativa.

ppig

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

Gli astronati

La poesia contemporanea

Voi ch’ascoltate Ultra Marathon

Libri di versi 6!

22 artisti + 22 poeti: ritorna anche quest’anno Libri di versi, l’esposizione di libri oggetto diventata ormai un appuntamento fisso all’interno di Notturni diversi. Questa sesta edizione, curata come di consueto da Silvia Lepore Sandro Pellarin, sarà inaugurata venerdì 18 luglio alle ore 18.30 presso il Museo Nazionale Concordiese con la presentazione di Katia Toso. Ecco la lista completa degli artisti visivi e degli autori che hanno contribuito alla mostra:

+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+
+

Qui il PDF con la presentazione di Katia Toso.

libri_di_versi

Alle ore 20.00 sarà possibile placare la fame (non solo di cultura) grazie a Nutri_menti, il buffet preparato in collaborazione con l’Azienda Agricola Casonato Daniele di Annone Veneto, l’Antica Trattoria al Cavallino di Portogruaro, Sergio Pellizzon, il personale del Museo e le Ceramiche Burigatto. A seguire, alle ore 21.00, ci sposteremo sulle sponde del Lemene, in Piazzetta Pescheria, per il suggestivo reading sull’acqua. I poeti che leggeranno dalla barca, alla luce dei lampioni, sono Maurizio Benedetti, Roberto Ferrari, Guido Cupani, Piero Simon Ostan, Luigina Lorenzini, Marina Giovannelli, Dome Bulfaro, Ivan Crico, Luisa Gastaldo, Fabio Franzin, Michele Obit, Daniele Maraviglia, Francesco Targhetta, Francesco Tomada, Stefano Guglielmin, Donato di Poce, Marko Kravos, Andrea Zuccolo. La lettura sarà accompagnata dal paesaggio sonoro di Paolo Pascolo.

reading_lemene

La mostra Libri Diversi rimarrà aperta dal 18 luglio al 31 agosto, tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00. È possibile concordare una visita guidata all’esposizione telefonando ai numeri 340 6144702–349 3808384.

Ricordiamo che durante la serata di venerdì sarà possibile farsi rilegare in un libretto le Poesie prese in giro dei partecipanti all’Ultra Marathon, distribuite gratuitamente presso i locali di Portogruaro che aderiscono all’iniziativa.

ppig

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

In più, ecco la playlist video delle performance:

Doppio appuntamento: Sottili fusioni e La direzione delle cose

Mercoledì 16 luglio sarà un’altra serata ad alta intensità, secondo la migliore tradizione di Notturni. Alle ore 21.00 inaugureremo la mostra Sottili fusioni: terzo appuntamento con l’intreccio tra la scultura di Maria Grazia Collini e la fotografia di Silvio Vicenzi. L’installazione dei due artisti è un omaggio alla poesia e alla sua capacità di accordare gravità e leggerezza – una duplicità evocata con sapienza attraverso l’uso del metallo.

sottili_fusioni

Proprio per sottolineare la continuità tra diverse forme di espressione, alle ore 21.30 seguirà la presentazione del nuovo libro di Roberto CesconLa direzione delle cose, (Ladolfi Editore). Un lavoro anch’esso sviluppato su polarità opposte – «impietoso e pietosissimo al tempo stesso», secondo le parole di Gian Mario Villalta – che sarà presentato da Tommaso di Dio Alessandra Frison all’interno della rassegna Fuochi sull’acqua.

cescon

Entrambi gli eventi sono ospitati dallo Studio Arkema di Portogruaro e sono organizzati nell’ambito di Città Viva.

Illustrazioni fuori e dentro la poesia: “Trapolant” di Federico Tavan

trapolantSulla scia della splendida serata di domenica scorsa, Notturni X offre un’altra occasione di incontrare il genio di Federico TavanTrapolant, la mostra delle tavole realizzate nel 2009 in collaborazione con Eliana Picca unendo illustrazioni e poesia. Quasi un lascito del poeta di Andreis, che ora è possibile ammirare in originale presso il bar Al Portico a Portogruaro. Sempre Al Portico, domani, sabato 12 luglio alle ore 18.00 sarà offerta una bicchierata. La mostra è visitabile dal 6 al 27 luglio.

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

POPS 3!

Sei poeti in lizza: Elisa Orlando, Clara Vajthò, Davide “ScartyDoc” Passoni, Maurizio Benedetti, Filippo Balestra, Julian Zhara. Due maestri di cerimonia: Giacomo Sandron e Renzo Cevro-Vukovic. Un ospite internazionale d’eccezione: Dani Orviz, campione europeo di Poetry Slam nel 2012 e medaglia di bronzo alla Coppa del Mondo di Poetry Slam nel 2013. Questo è POPS – Portogruaro Poetry Slam, un appuntamento ormai irrinunciabile del Campionato Nazionale di Poetry Slam organizzato in collaborazione con la LIPS – Lega Italiana Poetry Slam. Tutto è pronto per questa terza mirabolante edizione: mancate solo voi – il pubblico urlante e festante che eleggerà anche quest’anno, tra i migliori slammer d’Italia, l’unico degno di portare la corona del POPS.

Domani, venerdì 11 luglio alle ore 21.00 in Piazzetta Pescheria a Portogruaro!

pops

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

In più, ecco il video delle performance:

Dani Orviz

Filippo Balestra, vincitore

Maurizio Benedetti

Elisa Orlando

Davide “ScartiDoc” Passoni

Clara Vajthò

Julian Zhara

«Chi lascia solo chi? A cosa somiglia la vita sulla terra?» – I Canti di un luogo abbandonato di Azzurra D’Agostino

Stasera, martedì 8 luglio, alle ore 21, presso la chiesa di Santa Cristina a Gorgo di Fossalta di Portogruaro – in un luogo, cioè, di meditazione appartata, di passato e presente, di risposte e di domande – Azzurra D’Agostino presenterà i suoi Canti di un luogo abbandonato. Libro di profondità e suggestione inusitate; libro unico già nella fattura – stampato da Anonima Impressori di Bologna con caratteri mobili e matrici in legno in 300 copie numerate e assemblate a mano. Dopo una breve introduzione di Guido Cupani, l’autrice stessa ci condurrà in un percorso di lettura attraverso il volume, popolando di voci il luogo abbandonato, a un tempo luogo fisico e mentale.

canti

Per maggiori informazioni sull’opera, si rimanda al sito web ›››

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

In volo sulla nâf spaziâl… da domenica sera!

La Nâf Spaziâl

Chîsta
‘e n’éis ‘na conta
pai nins,
éis ‘na storia vera,
da matz.
Al disivuot d’avost
da l’otantedoi,
apena iessût da l’ospedal
ma soi serât in cjamera,
ài metût doi armaróns
e un comodìn
denant la puarta.
Po’ me soi metût sul liet
coma un astronauta.
De four de la puarta
i me clamava duç:
“Iés! Iés!”.
“No, no! ‘E soi ch’e sgôrle
in ta la nâf spaziâl,
no stei desturbâme,
vô ‘e séi de un antre mont”.
E i passava li ores…
Intant jo incrosave
steles e galassies
e ucei strambus.
Al speciu al faseva da oblò
e al sofit da firmament.
E de four,
mitant preocupatz:
“Iés! Iés!
Ah, diu, al é mat!”
Jo ‘e continuave a sgorlâ,
incjamò doi mil ans-lûs
e sarés rivât sul sorele.
Li ombrenes sui murs
e i rumours de li machines
i faseva al sussûre dal motour
de la nâf spaziâl.
E ‘i son passâtz doi dîs…
“Iés! Iés!
No màngestu?
Ah, diu, al é mat!
Paràn jù la puarta!”
Ma la puarta a resisteva.
E jo, in alt,
pì in alt!
E de four dut un rumour:
“Iés! Iés!
Ce fàistu uvì?
Dai mo, su, nin!
Ah, diu, al é mat!”
“Lassâme stâ!
‘E soi su la nâf spaziâl.
‘E scjampe,
e al mont lu jôt lontan
e i omi pici pici… ”
E ‘i son passâtz tre dîs…
‘I àn sfuarcjât la puarta,
‘i àn parât jù i armarons
e al comodin.
Jo ju spetâve, platât
sot al liet.

“AH, DIU!
‘I SON RIVÂTZ
I UMANS!”

La nave spaziale

Questa
non è una fiaba
per bambini,
è una storia vera,
da matti.
Il diciotto agosto
dell’ottantadue,
appena uscito dall’ospedale
mi sono chiuso in camera,
ho messo due armadi
ed un comodino
davanti alla porta.
Poi mi sono disteso sul letto,
come un astronauta.
Fuori dalla porta
mi chiamavano tutti:
“Esci! Esci!”.
“No, no! Sono in volo
nella nave spaziale,
non disturbatemi,
voi siete di un altro mondo”.
E passavano le ore…
Intanto incrociavo
stelle e galassie
ed uccelli strani.
Lo specchio faceva da oblò
ed il soffitto da firmamento.
E da fuori,
molto preoccupati:
“Esci! Esci!
Oh, Dio, è matto!”
Io continuavo a volare,
ancora duemila anni-luce
e sarei arrivato sul sole.
Le ombre sui muri
ed i rumori delle macchine
facevano il rumore del motore
della nave spaziale.
E son passati due giorni…
“Esci! Esci!
Non mangi?
Oh, Dio, è matto!
Buttiamo giù la porta!”
Ma la porta resisteva.
Ed io in alto,
più in alto!
E fuori tutto un rumore:
“Esci! Esci!
Cosa fai lì?
Su, da bravo!
Oh, Dio, è matto!”
“Lasciatemi stare!
Sono sulla nave spaziale.
Fuggo,
ed il mondo lo vedo lontano
e gli uomini piccoli piccoli…”
E son passati tre giorni..
Hanno forzato la porta,
hanno buttato giù gli armadi
ed il comodino.
Io li aspettavo, nascosto
sotto il letto:

“AH DIO!
SONO ARRIVATI
GLI UMANI!”

Federico Tavan

federicoDomani 6 luglio la nave spaziale di Federico Tavan ripartirà da Portogruaro! L’appuntamento è alle ore 21 alla Galleria Ai Molini. Lara Bortolusso presenterà la mostra Federico Tavan, nostra preziosa eresia, che unisce alle testimonianze audio e video sulla vita del poeta gli intensi ritratti di Danilo De Marco, fotografo noto per il suo impegno civile e per la capacità di indagare attraverso l’obiettivo lo spirito della cultura contemporanea nelle sue personalità più significative (ricordiamo fra gli altri Arrabal, Augé, Boltanski, Busi, Cappello, Derrida, Handke, Le Goff, Zanzotto). La mostra rimarrà aperta fino al 27 luglio con i seguenti orari: giovedì dalle 10.00 alle 12.00, venerdì dalle 16.00 alle 19.00, sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

federico_2A seguire, dalle ore 21.30, nella suggestiva cornice della Piazzetta PescheriaAldo Colonnello Giuseppe Nava ci condurranno a bordo della nave di Federico, in compagnia degli amici artisti che ne hanno accompagnato il percorso. Interverranno Andrea CominaDanilo De Marco, Eliana Picca, Guido Carrara, Ida Vallerugo, Lorena RomanLussia di Uanis, Paolo Cantarutti, Rosanna Paroni BertojaStefano MorattoEmanuele Bertossi. I loro ricordi e le loro letture, assieme alle illustrazioni di Paolo Cossi, ci faranno incrociare le «stelle e galassie / e uccelli strani» a cui Federico Tavan ha dato vita nei suoi versi.

uccello_strano

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

Federico Tavan, nostra preziosa eresia

La nâf spaziâl


In più, ecco il video della performance di Paolo Cossi:

«Il miracolo del Nord Est ha le sue macerie e le sue preghiere»: Vasco Mirandola e la Piccola Bottega Baltazar

«Volevamo raccontare il presente del nostro territorio, e ci sembrava interessante farlo attraverso lo sguardo di quelli che sanno leggere il futuro: i poeti.»

Con queste parole Vasco Mirandola e la Piccola Bottega Baltazar presentano lo spettacolo Ballate per il NordEst, in scena questa sera (3 luglio) alle ore 21.00 in Piazzetta Pescheria a Portogruaro. Lo spettacolo raccoglie in un unico discorso testuale e musicale la voce di numerosi poeti del Veneto e del Friuli–Venezia Giulia. «La poesia esce dalla stanza del sé o da quella rustica con panorama sulla campagna ricolma di echi nostalgici, si rimbocca le maniche, gira per le strade, entra in fabbrica… e mentre si guarda intorno si fa voce, suono e rumore di quello che incontra, si impoverisce, si arricchisce, grida, ride e piange. Il miracolo del Nord Est ha le sue macerie e le sue preghiere.»

ballate1

Maggiori informazioni sul sito web di Vasco Mirandola ›››

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

Doppio appuntamento: Notturni X! e Traversi

diez

I momenti più salienti in dieci anni di Notturni diversi sono immortalati nella mostra fotografica “Notturni X!” che sarà inaugurata domani, mercoledì 2 luglio alle 21.00 presso la Libreria Lab. a Portogruaro e sarà visitabile fino al 19 luglio.

A seguire, Marco Scarpa presenterà il libro Traversi (Edizioni Prufrock spa), che raccoglie i frutti dell’omonima rassegna di poesia italiana contemporanea iniziata nella prima metà del 2013. Scopo del libro è estendere l’interesse per la poesia oltre l’ambito degli appassionati e di trasformare i semplici curiosi di oggi nel pubblico maturo di domani. Interveranno alla serata Mariagiorgia Ulbar, poeta, e Luca Rizzatello, poeta e fondatore di Edizioni Prufrock spa.

Entrambi gli eventi sono organizzati nell’ambito di Città Viva.

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

Notturni X!

Traversi

Al Premio Teglio Poesia 2014 vince la poesia rosa del Veneto. 1000 Euro a Maddalena Lotter con la silloge “Lanterne blu”

Maddalena Lotter a Venezia

Vince la poesia femminile alla XV edizione del Premio Teglio Poesia, nato con l’obiettivo di promuovere la poesia dei giovani poeti under 40, e che quest’anno ha raggiunto un considerevole numero di partecipanti, quasi 500 infatti le poesie da tutta Italia che hanno reso particolarmente impegnativo il lavoro della giuria del concorso, presieduta da Gian Mario Villalta, direttore artistico di Pordenonelegge, e composta dai poeti Francesco Tomada, Fabio Franzin, Roberto Ferrari, Piero Simon Ostan e Roberto Cescon.

Per la sezione Under 40 la vincitrice è Maddalena Lotter, classe 1990, di Venezia, scelta perché «le poesie di Maddalena Lotter, racchiuse nella silloge Lanterne blu, si muovono tra molteplici polarità opposte, dando l’idea di una parola divisa tra il farsi vedere e il tornare nel buio (portare nel buio un inconscio pastorale). A questo del resto rimandano le immagini della lanterna o dell’alba, che sono gli occhi di chi scrive e cerca di farsi largo tra le oscillazioni della vita. A dominare le immagini è l’acqua sia come elemento che fa presagire il conflitto quando è temporale o pioggia sia come elemento capace di condurre al sé, a quel desiderio di somigliare alla terra, alle bacche rosse, che forse potrebbe essere raggiunto grazie all’amore, come luogo dove sciogliere le paure e fiorire l’uno accanto all’altro come tronchi». Secondo e terzo classificato sono Maddalena Bergamin di Padova (ma residente a Parigi) e Guido Cupani di Portogruaro.

Per le scuole Primarie hanno vinto: Aurora Ius di San Vito al Tagliamento (Scuola Primaria “E. De Amicis” di Prodolone di S. Vito al Tagliamento-PN); Manuel Gjeci di Pramaggiore (Scuola Primaria “G. Marconi “ di Pramaggiore); Anna Bigai di Cordovado (Scuola Primaria “I. Nievo” di Cordovado). Per le scuole Secondarie di Primo Grado: Melissa Tognetti di Salgareda (Scuola Secondaria di primo grado di Salgareda-TV); Samuele Biasin di Cinto Caomaggiore (Scuola Secondaria di primo grado “I. Nievo” di Cinto Caomaggiore); Giulia Marzinotto di Cinto Caomaggiore (Scuola secondaria di primo grado “I. Nievo” di Cinto Caomaggiore). Per le scuole Secondarie di Secondo Grado: Giada Tonetto di Ceggia (Liceo “XXV Aprile” di Portogruaro); Anna Astolfo di Chiarano (Liceo scientifico “E. Montale di San Donà di Piave-VE); Domiziana Montello di Latisana (Liceo“XXV Aprile” di Portogruaro). I premi per gli studenti sono costituiti da buoni per l’acquisto di libri messi a disposizione dal Comune di Teglio Veneto e dalla libreria Al Segno di Pordenone.

La cerimonia di premiazione si terrà venerdì 27 Giugno alle ore 21, nella suggestiva villa Dell’Anna-Brezzi a Teglio Veneto (Venezia). Daniele Chiarotto presenterà l’evento, durante il quale si esibiranno i jazzisti Daniele D’Agaro (sassofoni) e Luigi Vitale (vibrafono e marimba).

Sito web ›››

•••

Post eventum: le foto di Massimo Mucci (clicca per ingrandire).

In più, ecco il video dei vincitori della sezione Under 40:

Maddalena Lotter

Maddalena Bergamin

Guido Cupani